musica

La Quinta ♫

PITA me Tchaikovskij piace proprio tanto – never mind il fatto che del suo nome usi una terribile trascrizione ibrida. È un insuperabile ricattatore emotivo, ma (o forse anche per questo)… eh. Che posso dire? Ci sono tipi di ricatto emotivo cui non mi dispiace essere sottoposta, e per darvi un’idea, pensavo di farvi sentire il quarto movimento della Quinta Sinfonia.

E non in una versione sola: qui c’è Sergiu Celibidache, e qui Valery Gergiev con l’orchestra del Marijinskij.

Interpretazioni molto diverse, vero?

Ascoltavamo questa musica qualche giorno fa con mia madre e, mentre io ero persa in contemplazione dell’alternarsi di galoppata senza respiro e malinconie improvvise, lei ricordava il critico sanpietroburghese che, al debutto della sinfonia, paragonò questo movimento a uno di quei sogni in cui si cerca disperatamente di correre e non ci si muove di un passo…

A voi che ne pare? Vi sentite emotivamente ricattati con piena soddisfazione o avete l’impressione di correre senza riuscire a muovervi? O qualcosa d’altro ancora?

E buona domenica domenica a tutti.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...