angurie · elizabethana

Di Libri, Giardini e Pescetti

CatturabOgni tanto ve lo chiedo: vi ricordate il mio stagno letterario? Il mio giardino d’acqua, quello che ha impiegato anni a trovar se stesso, ma che adesso dà un sacco di soddisfazioni?

Ecco – lasciate che vi aggiorni sul suo stato.

Non solo si è ripreso alla meraviglia, pur avendo passato fuori la cosa più simile a un inverno che abbiamo avuto negli ultimi… oh, non so: dieci anni? Neve e ghiaccio non gli hanno fatto un baffo, e tanto le ninfee quanto l’unica pianta da bordo aspettavano soltanto un’energica pulizia e un po’ di fertilizzante per tornare a prosperare.

Non solo tutto ciò – ma quest’anno ho preso ho fatto qualcosa su cui meditavo da tempo: ho aggiunto i pesci. Niente di spettacolare, you know – non immaginatevi pesci rossi, koi o chissaché. Nulla del genere. Solo, da ieri, ci sono tre piccole gambusie che chiamano casa il mio stagno.

GambusiaO almeno così spero, a dirla tutta – perché appena liberate, si sono precipitate a nascondersi, e non le ho più viste… Ad ogni modo, gambusie: minuscoli pescetti che si nutrono voracemente di larve di zanzara, in numero di tre, guizzanti e vivacissimi. Veloci e svegli, mi ha assicurato l’uomo del vivaio – abbastanza divertito dai miei timori riguardo agli istinti venatori dell’Irrepressibile Prunella… Per cui pare non ci sia da agitarsi in proposito. Also, essendo io, ho dato loro dei nomi – Dot, Dash e Pixel – ma non è come se li distinguessi uno dall’altro, né li ho più visti per provarci… così ho più che altro buttato loro i nomi come una manciatina di briciole, e il terzetto è libero di farne l’uso che crede… o nessun uso affatto.

ElizGard
Yes, well… non proprio.

Ho anche aggiunto un giacinto d’acqua, e dovrò sfoltire le piante ossigentanti, e trovare un modo per liberarmi dalle lumachine nere che rosicchiano le foglie di ninfea, e chissà se riuscirò mai ad avere le rane…

Ma insomma, il fatto è che lo stagno ha finito per risvegliare in me qualcosa che non avevo troppo idea di possedere, se non nella più teorica delle maniere: una propensione al giardinaggio. Tanto che mi sono lanciata a piantare un piccolo giardino dei semplici elisabettiano – e gente colpita dalla mia svolta giardinieresca mi ha regalato due caprifogli (also somewhat shakespearean – per non parlare di Tre Uomini in Barca)…

Insomma, non so che dire: né se funzionerà, né quanto durerà. Per ora mi sto divertendo a coltivare (the pun!) il lato letterario del giardinaggio – o forse è il lato giardinevole della letteratura?

Intanto, comunque, l’acqua è limpida, le ninfee sono in boccio e il timo prospera in tre qualità diverse. Vi farò sapere.

E voi, o Lettori? Come ve la cavate in giardino? Vi è mai capitato di scegliere le piante per motivi di carta e d’inchiostro?

 

angurie

Stagnum Habemus

be3b972893a74ee607920ea8a3c18a60Vi ricordate, o Lettori, del mio stagno letterario?

Non credo – perché sono passati due anni e non ne ho mai più parlato – benché avessi chiuso il post promettendo nuovi episodi in materia…

Ebbene, non ci crederete – e francamente dubito che vi siate rosicchiati le unghie nell’attesa – ma rieccoci qui: Lo Stagno Letterario, Parte II.

Allora, cominciamo col dire che ci sono voluti tempo, pazienza e una certa quantità di fede. Per lunga pezza, nonostante i miei sforzi, lo stagno non ha fatto grandi sforzi per somigliare alle polle e fontane del Giardino Segreto, o alla fontana nella storia delle Tre Melarance – e men che meno alla Serpentine in Peter Pan a Kensington Gardens, alla polla incantata di MacDonald, o al bacile divinatorio e boschivo di Tolkien. Figuriamoci poi alla Polla Sacra di Forster o ai laghetti di Henry James…

IMG-20160809-WA0004Il fatto si è che, per prima cosa e per quanto mi sforzassi, non c’era verso di sigillare in modo soddisfacente il buco nella vasca di terracotta, e lo stagno perdeva sempre. Ma con quello mi ero decisa a convivere, e i problemi erano decisamente altri. Tutti gli stagni, mi si dice, vanno attraverso cicli di acqua torbida e verdastra – e poi tornano limpidi, e poi tornano torbidi, e via dicendo. Il mio… mica tanto. E sì che ho provato, credete: ho aggiunto piante ossigenanti e giacinti d’acqua, mi sono procurata l’apposito chiarificante… Ma nulla da fare: tra le ninfee, i giacinti e le lenticchie d’acqua, lo stagno restava torbidiccio e non straordinariamente bello a vedersi.

“Prova a metterci dei pesci,” mi si diceva. “Mettici qualche pescetto e vedrai che lo stagno trova il suo equilibrio.”

Consiglio saggio, I’m sure – ma i gatti? Ci sono due gatti, qui – una anzianotta e, sospetto, ormai disinteressata, ma DSCN1175l’altra invece è provvista d’istinto venatorio in abbondanza e per di più affascinata dallo stagno persino quando è disabitato… figurarsi se ci fossero dentro dei pescetti!

E poi le ninfee… Oh, le ninfee. Non so, ma io mi aspettavo che le ninfee fiorissero. E invece no. Per due anni non han fatto che produrre foglie, foglie, foglie – ma nemmeno l’ombra di un fiore. Confesso che alle volte, just for colour’s sake, baravo e mettevo a galleggiare sull’acqua qualche zinnia decapitata…

Sigh.

Poi…

Dovete sapere che l’inverno passato lo stagno è rimasto all’aperto – il che è vero della maggior parte degli stagni, ma non avrebbe dovuto esserlo del mio, piccoletto e smantellabile nei mesi freddi… sennonché qui per anni di mesi freddi non ce ne sono stati, e smantellare lo stagno è una seccatura, e io sono pigerrima, e così ho continuato a procrastinare lo smantellamento finché il freddo non è arrivato per davvero e lo stagno si è ghiacciato irreparabilmente.

Hic jacet, mi sono detta, incerta se riprovarci a primavera. Dopo tutto era stato uno stagno un pochino deludente, giusto? Torbido, verdognolo, infiorente… diciamolo: bruttino.

20170612_094917Ma a primavera, ecco la sorpresa: giacinti e lenticchie e piante ossigenanti avevano reso l’anima – ma le ninfee e una delle piante da bordo erano ancora vive… Non ho avuto il coraggio di lasciarle morire. Mi sono procurata un’altra vasca – meno bella ma senza buchi – e delle nuove piante ossigenanti*, ho suddiviso, rinvasato e fertilizzato le ninfee, e…

E non lo so. In qualche modo devo avere fatto qualcosa di giusto, o devo avere compiaciuto la divinità delle polle domestiche: lo stagno prospera, e non è mai stato così bello. Acqua limpida, foglie vigorose e, soprattutto… fiori! La ninfea che vedete nelle foto è l’ultimo esempio – il terzo a partire dall’inizio della stagione e non l’ultimo, a giudicare dai boccioli. Bellino, non trovate?20170612_094923

Eugè.

Non so troppo bene che cosa ho fatto per meritarlo, ma finalmente ho uno stagno dall’aria quanto meno burnettian-melarancese. Di questo passo, forse, nel giro di un altro annetto o due, possiamo aspirare a qualcosa di forsteriano?

______________________________

* Avrei voluto anche dei nuovi giacinti, ma non ne ho trovato uno a prezzo d’oro. Qualcuno ha idea di dove possa trovare qualche giacinto d’acqua in quel di Mantova?

angurie

Stagno Letterario

SGN_1È estate, pieno pomeriggio, quell’ora in cui la gente sensata se ne sta all’ombra e/o al fresco.

La Clarina invece è nel punto più caldo del giardino, impegnata a sigillare con un sasso e un tubo di silicone il foro per il drenaggio di una vasca di terracotta. La vasca è rotonda, larga una sessantina di centimetri e pesa come una dannazione e non è molto incline a stare ferma. La Clarina è sul punto di usare del Linguaggio quando, di tra il nocciolo e la quercia, sbucano lo Spirito di Kit e lo Spirito del Bardo che, essendo spiriti, non hanno bisogno di aspettare quella cosa che da queste parti va sotto il nome di frescura serale.

Lo Spirito di Kit – Perché se ne sta al caldo a quest’ora e traffica con una vasca di terracotta?

Lo Spirito del Bardo – E chi lo sa? Perché te ne stai al caldo a quest’ora, o Clarina, e traffichi con una vasca di terracotta?

La Clarina – Zitti, che sono sul difficile…

SdK – Perché chiudi il buco se vuoi piantarci i fiori? d1545172e8d07f310ca045df2def3eb9

La Clarina (li guarda entrambi malissimo da sopra l’orlo della vasca) – Non andreste a passeggiare altrove, vero?

SdB – Il buco ti serve, sai?

La Clarina – Non voglio piantarci dei fiori. Voglio farci uno stagno.

SdB – Uno stagno?

SdK – Lì dentro?

SdK – Sì, uno stagno. Qui dentro. Uno stagno in miniatura.

Gli spiriti  scambiano uno sguardo perplesso.

SdK – E perché mai vuoi uno stagno in miniatura?

CTG515751aLa Clarina- A costo di ripetermi: altrove?

No – è chiaro che gli spiriti non andrebbero a passeggiare altrove. Non adesso – e come biasimarli? Chi andrebbe a passeggiare altrove quando qui c’è in costruzione uno stagno in miniatura?

SdK (si appollaia sull’angolo del tavolo da giardino e incrocia le braccia) – Stai scherzando? Do tell…

La Clarina (abbandona vasca, sasso e silicone, sospira, si asciuga la fronte ed entra in storytelling mode) – Allora… Il fatto si è che da piccola leggevo cose come Il Giardino Segreto – e forse la cosa che mi piaceva di più erano le polle e fontane nel giardino eponimo. Così come la fontana nella storia delle Tre Melarance. O la Serpentine in Peter Pan a Kensington Gardens. O la polla incantata di MacDonald, o il bacile divinatorio e boschivo di Tolkien… Leggevo queste cose e volevo tanto un laghetto. Uno stagno. Una polla. Un ruscelletto. Una fontana… Dell’acqua in giardino.

SdB – E non ne hai mai avuta?

SdK – In tutto questo enorme giardino, nemmeno uno schizzo d’acqua?0393f31d8e304a7fe882a133392e3e9a

la Clarina – Be’, siamo in quel di Mantova. Zanzare a nuvole. Zanzare ovunque. La famiglia non ne ha mai voluto sapere. E forse è stato meglio così, considerando che all’epoca avevo in mente un laghetto a fagiolo. Azzurro.

SdK (snorts).

la Clarina – Ero piccola!

SdK (indica col mento la vasca capovolta) – Non si direbbe che crescendo tu ci abbia ripensato.

la Clarina – Ti pare a forma di fagiolo? Ti pare azzurro? E comunque non è colpa mia. Cresci, leggi cose come A Room with a View, e la Polla Sacra… Oppure Henry James – ci sono sempre laghetti nei parchi, in Henry James.

SdB – Si vede che non ci sono zanzare…

la Clarina – Già. Ma adesso ci sono quelle pastiglie che si mettono nell’acqua, you know – ed eliminano le larve di zanzara. E allora mi sono decisa, e ho comprato qualche piantina acquatica, e ho preso questa vasca e ho fatto uno stagno.

imagesSdK – Non l’hai fatto affatto, si direbbe.

la Clarina – L’avevo fatto. Solo che dopo averlo riempito mi sono accorta che perdeva.

SdB – Ah, la chiusura del buco…

la Clarina – Yes well, non era venuta bene. Adesso lo sto chiudendo che pare un bunker antiatomico.

Gli spiriti scambiano un altro sguardo dubbioso.

SdB – Se lo dici tu…

SdK – E i gatti? Hai pensato ai gatti? Perché sai, i gatti–

la Clarina – Oh, pittikins! Sparite, dubitatori e coperte bagnate che non siete altro! Tornate tra un paio di giorni e vedrete. Perché io… – (assume improvvisamente la maniera del Draghetto Grisù) – Io avrò uno stagno! Io avrò uno stagno! Io avrò uno stagno!

Gli spiriti, un nonnulla preoccupati, giudicano prudente dileguarsi. La Clarina torna al lavoro borbottando tra sé “Burnett… Forster… James…” Riuscirà la Clarina a realizzare il suo sogno d’infanzia e avere uno stagno letterario con le ninfee e le rane – senza che i gatti interferiscano troppo?

Vi faremo sapere. Non perdete la prossima appassionante puntata de Lo Stagno Riluttante.