commercials

Buon Compleanno, Italia

Così c’è questo spot sportivo-patriottico – lo avete visto? Mi si dice che preceda le partite di calcio, ma è evidente che lo passano anche in altre circostanze.

C’è una piazzetta indorata dal sole, con i vecchietti che giocano a carte, le donne sedute sulla porta e, soprattutto, i ragazzini che giocano a calcio – finché il pallone (di cuoio scuro, di quelli che forse si trovano ancora in qualche soffitta) non finisce sull’albero.

Nessuno, né i ragazzini, né i giocatori di briscola, né le presunte madri, fa anche solo finta di recuperarlo, il pallone. Gioco finito. I bambini fanno per andarsene sconsolati – tranne uno. Quell’uno ha sentito qualcosa nell’aria, quattro note fischiettate… e lui risponde fischiettando a sua volta, e guarda caso, la melodia è l’Inno di Mameli.

Mentre la banda del paese (che, si vede, guarda caso passava di lì in uniforme) attacca a sua volta l’inno, altri bambini si uniscono al primo e, quando la camera li inquadra da dietro, i numeri delle loro magliette formano due date. 1861 e 2011, ça va sans dire.

Ma il meglio deve ancora arrivare, nella forma di un drappello di Garibaldini a cavallo che caracollano entro la piazza, recuperano il pallone e lo restituiscono ai ragazzini festanti. Proprio in quel momento le Frecce Tricolori sorvolano in formazione. Luce vieppiù dorata, tripudio generale, il ragazzino dai capelli rossi augura “Buon compleanno, Italia!”, e la voce fuori campo declama “Nata per unire”.

So cute. Carino, ben fotografato, immerso in un’atmosfera di fiaba. E oleografico. E sentimentale. E un nonnulla confuso nel messaggio.

Dunque, ricapitoliamo: c’è questo luogo irreale, un’Italia da brochure turistica, placida, estiva, pittoresca e finta, senza macchine, con quest’aria di vacanza. Il pallone è come non si usa più da decenni, la piazzetta linda come uno scenario d’opera, e i bambini giocano per strada vestiti in uniformi candide, molto chic e immacolate. E di fronte alla piccola contrarietà, che fanno gli abitanti di questa cartolina? Nulla – però fischiettano l’Inno e, come per magia, ecco gli eroi in camicia rossa che risolvono tutto (namely: riprendono il pallone da un albero). D’accordo: è una fiaba, e chi l’ha scritta s’è dovuto arrabattare a coniugare in qualche modo calcio e Unità, perché così dev’essere quest’anno…

Però è una fiaba deboluccia, che cerca di compensare la mancanza di concetto con lo zucchero e i bei colori. Perché forse sarò densa, ma il concetto quale sarebbe? che la storia è fonte d’ispirazione e sostegno nelle avversità piccole e grandi del presente? Che passato e presente sono legati in una felice continuità d’affetti? Che i piccoli crescono più felici e migliori se sono consapevoli delle loro radici? Tutte ammirevoli idee che però, una volta afflosciate su un’immagine tanto leziosa, decadono a figurine vagamente edificanti. La storiellina simbolica è troppo piccola per la bisogna e fa cilecca. E se non fa cilecca, allora c’è di che preoccuparsi.

A volte anche il senso dello Stato è questione di buona scrittura. Mi piacerebbe tanto che l’Unità si celebrasse con misura e con senso delle proporzioni, con la consapevolezza che non tutti gli ambiti si prestano alle celebrazioni ed evitando di annegare il tutto in colate di melassa retorica e di ricatto morale… Mi piacerebbe che non si tentasse di farne una cosa carina.

Questo spot, ammetterete, non è che lasci troppo ben sperare.

6 pensieri riguardo “Buon Compleanno, Italia

  1. A dire il vero non ho affatto presente questo spot. Me lo sono perso anche io. Il tuo discorso è condivisibile, però cerco di reperire prima il video dello spot, così mi faccio anche io un’opinione completa e poi mi sentirò in pieno diritto di dire la mia…
    Carmine

    "Mi piace"

  2. Hai ragione: ne staranno intensificando la messa in onda, visto che sono riuscito a vedere questo spot anche io, che guardo davvero poco la televisione.
    A mio modesto parere, esso esemplifica appieno l’atteggiamento di molti italiani: si guarda ad un passato che può essere stato grande, ma che è indubbiamente finito. Si guarda ad esso, ma meno al futuro, alle sfide che attendono la Nazione.
    Insomma, un compleanno non è soltanto l’occasione per fare il bilancio di ciò che è stato, ma anche un momento per gettare lo sguardo avanti.
    E che sguardo avanti vi può essere tra garibaldini, inno nazionale e vecchietti che guardano bimbi giocare a calcio?

    "Mi piace"

  3. A me sembra che abbiano voluto arraffare il possibile per costruire il concetto di “patria” che oramai non è più sentito come 150 anni fa (ammesso che anche allora fosse sentito da tutta la popolazione italiana, e ne dubito).
    L’unica fonte di patriottismo è il calcio: gli italiani si sentono tali quando seguono i mondiali, solo allora sentono la loro appartenenza in modo forte. Il che, paradossalmente, è proprio segno di debolezza del sentimento. Patria? Il concetto fa già storcere il naso quando ce lo rifilano per giustificare la morte dei nostri soldati nelle missioni di pace…

    "Mi piace"

  4. @ Carmine: sarà perché, indipendentemente dall’unità nazionale, siamo una civiltà vecchia e senza più molta forza di propulsione?

    @ Elisa: non è del tutto un caso, perché in definitiva gli sport competitivi sono un’alternativa socialmente *soft* alla guerra. Non ricordo più chi dicesse che le cronache sportive sono l’ultimo rifugio del linguaggio epico. Insomma, le identità si costruiscono attorno a quello che c’è a disposizione… Secondo mio padre (Colonnello degli Alpini che, tra parentesi, diceva che non esistono “missioni di pace”), è una specie di prezzo che pagano le generazioni cresciute nella pace e prosperità ininterrotte.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...