Persone

In Memoriam: Egisto Cantarelli

Foto M. Romualdi

Con il suo garbo d’altri tempi, il suo sorriso gentile e la sua pazienza infinita, Egisto Cantarelli vi accoglieva in Teatrino e, magicamente, vi trovava sempre quell’ultima sedia… e se proprio di ultime sedie non ce n’erano più, era dispiaciuto quanto voi, perché non avrebbe mai voluto dover mandare via nessuno.

Benevolo e cortese e sollecito, Egisto presiedeva alla biglietteria con un’attenzione certosina, felice di vedere la platea che si riempiva, felice di accogliere il pubblico – spesso accanto a quell’altra colonna della Campogalliani, Giorgio Codognola – e credo che proprio così lo ricordi tutta Mantova.

Ma Egisto era ben lungi dall’essere solo questo… un amico e una figura paterna per tutti noi in Campogalliani, con una parola buona e acuta per tutti, con la sua dolcezza d’animo, lo sguardo gentile e penetrante, lo humour discreto, la cultura profonda e la capacità di mettere ciascuno a proprio agio. Conversare con lui era sempre una gioia, così come era una gioia vederlo in Teatrino, a fianco della sua Francesca, circondato da figli e nipoti – il patriarca di una bellissima famiglia unita e brillante.

La sua presenza ci rassicurava. Tutti cercavamo la sua sua approvazione, il suo giudizio pacato e sempre lucidissimo. E allora, Egisto? Com’è, Egisto? Funziona, Egisto? … E sapevamo di poter contare su un parere acuto e autorevole e senza compromessi.

Adesso non potremo più chiederglielo.

Egisto ci ha lasciati improvvisamente la mattina del 2 gennaio, scavando un vuoto incolmabile nella vita della sua famiglia, della Compagnia e di tutti noi.  Ci mancherà tanto, e lo ricorderemo in tutto il lavoro a venire.

Ho tanti bei ricordi di lui: la passione comune per l’opera lirica, le parole incoraggianti e le strette di mano, le risate condivise quando raccontava aneddoti della Campogalliani, l’interesse con cui seguiva la mia altra scrittura al di fuori del teatro… Sarà molto dura tornare al d’Arco e non trovarlo. Non trovarlo fisicamente – perché il suo spirito ci sarà sempre.