guardando la storia · Lingue

Di Nomi, D’Estate E Di Discendenze Imperiali

agosto,augusto,lingue,impero romano,impero britannicoMentre non guardavo, mentre ero immersa nella frenetica preparazione di Shakespeare in Words, Agosto è piombato su di me a tradimento…

Vogliamo parlarne, di agosto?

Agosto è nato sesto mese – Sextilis – poi diventato ottavo, poi ha preso il suo nome da Augusto, che se lo scelse come mese celebrativo.

Avete idea di quante lingue abbiano conservato o assorbito almeno una traccia, un’eco o una radichetta del nome latino? E ovviamente non sto parlando soltanto di lingue neolatine – o non varrebbe la pena di menzionare la faccenda. State a sentire:

In Afrikaans si dice augustus

In Albanese Gusht

In Arabo, accanto ad altre forme, أغسطس, che si trascrive ʾUġusṭuṣ

In Azero Avqust.

In Basco Abuztua.

In Bosniaco Avgust.

In Bulgaro Август che, sulla base della mia limitata conoscenza del Cirillico, si trascrive Avgust.

In Catalano agost

In Cingalese අගෝස්තු (agostu)

In Danese August

In Dhivehi (che è la lingua parlata alle Maldive) Augastu

In Olandese augustus

In Estone august

In Filippino agosto

In Francese août

In Galiziano Agosto

In Georgiano Agvist’os

In Tedesco August

In Greco Αύγουστος (Avgoustos)

In Ebraico Ogust – e il mese parallelo nel calendario ebraico si chiama Av (אב)

In Ungherese augusztus

In Islandese Ágúst

In Indonesiano Agustus

In Italiano, ovviamente, agosto

In Lettone Augusts

In Lituano rugpjūtis

In Malese Ogos

In Maltese Awissu

In Persiano اوت و آگوست (Agust)

In Portoghese agosto

In Rumeno august

In Russo, come in Bulgaro, авгуcт, ovvero avgust

In Samoano aukuso

In Serbo di nuovo авгуcт (avgust)

In Sloveno Avgust.

In Spagnolo agosto

In Swahili Agosti

In Svedese augusti

In Turco Ağustos

In Gallese Awst

Dove non sono arrivati né l’Impero Romano né Cirillo&Metodio, apparentemente, è arrivato l’Impero Britannico, in quella che mi piace considerare un’ulteriore stampella a supporto della mia pet theory secondo cui gli Inglesi sono stati i Romani del mondo moderno, conquistando mezzo mondo e lasciandoci la loro lingua, i loro ponti e le loro leggi ben dopo che se n’erano andati. E questo piccolo elemento di continuità mi piace assai.

Mi pare che fosse Kipling a dire che un impero si estende fin dove arriva la forza delle sue parole. Di sicuro, un impero, nel defluire lascia molte pietruzze ben piantate nel terreno.

Buon agosto a tutti.

Salva

blog life · Digitalia · scrittura

Senza Errori Di Stumpa Compie Tre Anni

blog, scrittura creativa, downloadCome da titolo: Senza Errori di Stumpa compie tre anni. Occupa 61MB di spazio – il che, pensandoci bene, mi fa un po’ impressione… per quanto tempo ancora potrò restare su Virgilio? Confesso che non ne ho la più pallida idea… – e questo che state leggendo è il seicentosettantesimo post.

Nel corso di questo anno, per cause di forza maggiore, sono passata dal postare tutti i giorni al farlo tre volte la settimana – plus the occasional stray post, now and then. Devo confessare che la pace del mio spirito ne ha tratto beneficio. Nonostante questo allascamento del passo, SEdS continua a crescere – e per questo we both drop a curtsey a voi, o Lettori.

E adesso, esaurito il discorso bilanci, passiamo a festeggiare. 

Fette di torta virtuale, virtuale brindisi con calici di Picolit friulano e cotillons per tutti.

Lo Scrittore di Buon Senso non è un manuale di scrittura – non mi azzarderei mai! O almeno non per qualche altra decade – ma raccoglie una ventina di articoli pubblicati nel corso dei primi tre anni di vita di SEdS sotto la voce “Oggi Tecnica”.

E’ una serie di rimuginamenti, considerazioni, analisi ed esercizi – poco di completamente originale, tutto messo alla prova sul campo. Scaricate il PDF qui: LoScrittorediBuonSenso.pdf e buona lettura!blog, scrittura creativa, download

E se vi sarà piaciuto, commentate qui sotto, e poi passatelo ad amici, parenti, colleghi e sconosciuti, aspiranti scrittori o lettori appassionati. Se non vi sarà piaciuto, se non siete d’accordo, se disapprovate, venite a discuterne qui.

Non c’è nulla come la discussione per far germogliare le idee. E crescere i blog.

 

http://platform.twitter.com/widgets.js

Spigolando nella rete

Piccole Gioie (Gratuite) Per Il Regista Dilettante

Ho detto, credo, che mi sono scoperta un certo gusto a mettere insieme piccoli video. Non nel senso che sia diventata brava, ma mi ci diverto. E nel procedimento ho anche scoperto che in rete si trovano un sacco di risorse gratuite per questo genere di passatempo (oppure per prodursi da sé il proprio booktrailer). Qualcuna di queste la conoscerete senz’altro, qualcuna forse no, ma ecco che cosa ho scovato e utilizzato:

– MovieMaker: ok, lo confesso, non c’è voluto molto per scovarlo, visto che arriva insieme a a Windows… Non sarà il massimo, ma è semplicissimo da usare e offre abbastanza possibilità di videoediting, per cominciare.

Dreamstime: da qui è possibile scaricare gratis immagini e fotografie. Ci sono anche quelle a pagamento, naturalmente, molte di più e di qualità migliore (e a prezzo assolutamente ragionevole), ma se non si vuole investire la scelta nella sezione FREE è più che decente. So che in teoria si potrebbe semplicemente fare una ricerca immagini con Google, ma Dreamstime e altri siti consimili risolvono i problemi di copyright in cui è meglio non incorrere, soprattutto per un booktrailer o altro materiale commercial/promozionale. La licenza è ragionevolmente ampia.

Partners in Rhyme: come sopra, ma con gli effetti speciali al posto delle immagini, perché registrare il suono della pioggia che cade o il bubbolio di un gufo non è semplice come sembra…

GIMP: sì, d’accordo, lo conoscete tutti. Per chi, come la sottoscritta, fosse vissuto su un platano fino all’altro giorno, GIMP è un programma di fotoritocco, “l’alternativa gratuita a PhotoShop”. Io che sono informatically challenged non lo trovo orribilmente intuitivo, ma dopo averci smanettato per un’oretta (e, lo confesso, ricorrendo a PhotoPhiltre per le funzioni più semplici) sono riuscita a fare quello che m’interessava fare. Più o meno. Conto d’imparare meglio nel prossimo futuro.

Free Sound Editor: dalla qualità dell’audio nel mio video si evince che qui ho ancora molti, molti progressi da fare, ma questo arnesetto è davvero intuitivo, e permette, fra l’altro, di editare, modificare e mixare files audio. L’intenzione è di farci un po’ di pratica e poi passare all’altrettanto gratuito (e, credo, più potente) Audacity.

Ecco qui. Tutto gratuito, tutto ragionevolmente semplice, sufficiente a gratificare, almeno all’inizio, il regista e il montatore che si sono in ognuno di noi.