2 risposte a "Storie, Mente e Cuore"

  1. Penso possa succedere, e credo che sia un effetto profondamente sbagliato da ricercare come autori.
    Perché per citare un classico…

    Genie: You’re a clever little man little master of the universe, but mortals are weak and frail. If their stomach speaks, they forget their brain. If their brain speaks, they forget their heart. And if their heart speaks
    [laughter]
    Genie: … they forget everything.

    Io credo che una buona storia debba coinvolgere sia la ragione che i sentimenti, e mostrare come possano lavorare insieme, non in contrapposizione.
    Conflitto? Perché no.
    Un vincitore e un vinto? Una prevalenza di ragione o di sentimento? … credo sia la strada per il disastro.
    Dovremmo dare delle idee migliori a chi ci legge.

    "Mi piace"

  2. Sì – in realtà ho barato un po’, e non credo che, in contesto, il senso del discorso fosse proprio questo – ma il fatto è che questa tendenza a incoraggiare e nobilitare “la scelta del cuore” è tanto deleteria quanto onnipresente, e non soltanto in narrativa.
    Ragionare e fare appello alla ragione sembra essere diventato un mezzo crimine, alas – e ciò è un nonnulla deprimente.
    E a dire il vero ammetto che, in una storia, la conciliazione degli opposti non è sempre la più drammatica delle risoluzioni. È solo la programmatica, prescrittiva certezza che, se conciliazione non può essere, devano trionfare i sentimenti a non piacermi nemmeno, ma nemmeno un po’.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...